Cuccioli di uomo e pelosetti, insieme è più.. amore!

Pubblicato da il 11 Ottobre 2019

Quando una famiglia con bambini accoglie un animale domestico, la vita dei piccoli di casa diventa sicuramente più piena ed attiva

 

Numerosi studi scientifici ormai attestano vari benefici sulla salute e sulla crescita derivanti dalla convivenza tra bambini e cani/gatti e vanno dal contrasto dell’obesità alla diminuzione del rischio di sviluppare allergie, all’incidenza sull’umore e sulla socializzazione, dal minore attaccamento a dispositivi tecnologici alienanti (v. smartphone e videogames) alla responsabilizzazione.

Eppure, spesso, ci siamo imbattute in persone che si sono dette impossibilitate ad adottare un cane o un gatto perché, avendo figli, non avevano il tempo di occuparsi anche di un animale e, ancor di più, avrebbero fare il doppio della fatica a mantenere la casa pulita. In realtà, far crescere i bambini con un cane o un gatto significa innanzi tutto educarlo al rispetto delle diversità e, stante i differenti linguaggi di ognuno, sviluppare anche la giusta empatia e la comprensione dell’ “altro”.

Significa responsabilizzarli: un animale va accudito quotidianamente preparandogli la pappa, pulendo i suoi bisognini, sistemandogli il letto/cuccia, dandogli le medicine e così via. Far crescere un animale con i propri figli è sì un impegno ma è anche un’importante scuola di vita per loro, un’opportunità di diventare adulti migliori che non bisognerebbe mai sottovalutare, proprio nell’interesse del loro benessere e di un sano futuro per tutti.

Ovviamente la convivenza va sempre supervisionata: i bambini potrebbero avere degli atteggiamenti fastidiosi che cani e gatti, giustamente, potrebbero non tollerare e di conseguenza potrebbero reagire provocando loro dei danni. A ben vedere, tutto sommato, se avete dei figli, anziché partire col preconcetto di non poter adottare animali, dovreste partire dall’assunto opposto: “i miei figli meritano l’opportunità di diventare persone più educate, responsabili, rispettose e sensibili verso il prossimo; posso dar loro questa opportunità?” Se la risposta è positiva, non andate nei negozi a comprare un animale come fosse un oggetto utile ma rivolgetevi ad associazioni che conoscono e curano molti cani e gatti bisognosi in cerca di casa: sapranno indicarvi il pet che meglio si confà alle vostre abitudini familiari e, soprattutto, avrete salvato un’altra vita dando così un esempio di generosità che i vostri figli non dimenticheranno mai.

 

A cura del Presidente dell’Associazione Zampe in Salvo, Annalisa Fedele 


Traccia corrente

Titolo

Artista